Sottordine Odontoceti (cetacei con i denti)

Capodoglio salta fuori dall'acqua (breaching)

Gli animali appartenenti al sottordine Odontoceti dell'ordine Cetacea rappresentano un gruppo di cetacei molto variegato, ma sono saldamente accomunati dall'essere tutti dotati di denti.

Caratteristiche generali

Gli odontoceti possiedono un singolo sfiatatoio, mentre i misticeti (sottordine Mysticeti) hanno due sfiatatoi.

I maschi sono più grandi delle femmine e questo dimorfismo sessuale è estremo nel Capodoglio.
Gli odontoceti utilizzano l'ecolocalizzazione (un sonar naturale) per rilevare la presenza delle loro prede, dei propri compagni e, in generale, delle caratteristiche dell'ambiente in cui vivono. Si tratta di un senso estremamente utile in un ambiente dove la visibilità, nel migliore dei casi, si limita a qualche decina di metri.
Il singolo sfiatatoio di un Globicefalo di Gray

Tassonomia

Il sottordine Odontoceti comprende 10 famiglie e un totale di 72 specie.
  1. Delphinidae
  2. Iniidae
  3. Kogiidae
  4. Lipotidae
  5. Monodontidae
  6. Phocoenidae
  7. Physeteridae
  8. Platanistidae
  9. Pontoporiidae
  10. Ziphiidae

Famiglia Delphinidae

E' la famiglia di cetacei più grande e comprende 35 specie.
Poiché, da un punto di vista evolutivo, gli animali che appartengono a questa famiglia sono a volte meno vicini tra loro che ad animali appartenenti ad altre famiglie, Delphinidae è stata definita da alcuni come un "cestino della spazzatura tassonomico" (senza voler dare nessuna connotazione negativa ai cetacei in essa contenuto!).
La sola caratterizzata condivisa da tutti i delfinidi è la presenza di denti conici.

Famiglia Iniidae

Contiene un solo genere e una sola specie: l'Inia (Inia geoffrensis).
Chiamato anche delfino del Rio delle Amazzoni, l'Inia frequente habitat fluviali del Sudamerica, come appunto il Rio delle Amazzoni o l'Orinoco.

Famiglia Kogiidae

Contiene due specie, il Cogia di De Blainville (Kogia breviceps) e il Cogia di Owen (Kogia sima).
Gli individui non superano i 3 metri di lunghezza e si tratta di animali schivi. I membri di Kogiidae, a uno sguardo superficiale, sembrano miniature del loro cugino Capodoglio.

Famiglia Lipotidae

La famiglia Lipotidae conteneva un singolo genere e specie: il Lipote (Lipotes vexillifer).
Si tratta purtroppo della prima specie di cetaceo andata incontro a estinzione a causa di Homo sapiens.
Il Lipote, noto internazionalmente come Baiji, era un delfino di fiume che frequentava le acque dello Yangtze, in Cina. Tristemente, il Lipote non è sopravvissuto all'industrializzazione, alle immotivate uccisioni e alla costruzione delle dighe che hanno frammentato e distrutto il suo habitat.

Famiglia Monodontidae

Contiene due generi, ognuno dei quali annovera una singola specie.
I membri della famiglia sono il Beluga (Delphinapterus leucas) e il Narvalo (Monodon monoceros).
Entrambe gli animali frequentano acque artiche e subartiche dell'Emisfero Nord, seguendo spesso l'avanzata e la ritirata dei ghiacci.
La pinna dorsale è assente, così come il rostro. Il Beluga è completamente bianco, mentre il Narvalo è caratterizzato da una colorazione più complessa, con macchie nere e marroni su sfondo bianco.
Il Narvalo è ben noto a causa di un dente modificato (nella posizione di un canino sinistro) che, crescendo a dismisura in orizzontale, dà origine a una zanna la cui lunghezza può superare i 2.5 metri, una caratteristica che nel medioevo ha associato il Narvalo al mito dell'unicorno.

Famiglia Phocoenidae

Comprende 7 specie di cetacei apparentemente simili a delfini.
Il corpo delle focene è però più tozzo, la testa è piccola, arrotondata e priva di melone (tessuto adiposo in corrispondenza della fronte, di aspetto bulboso, utilizzato dai delfinidi per creare uno stretto pennello di onde acustiche nell'ecolocalizzazione).
Il rostro è assente e i denti sono a forma di spatola (quelli dei delfinidi sono conici). Le focene sono generalmente più piccole dei delfini e la forma della pinna dorsale, quando presente, è molto più marcatamente triangolare.

Famiglia Physeteridae

Contiene un solo genere e una singola specie: il Capodoglio (Physeter macrocephalus).
L'enorme naso del Capodoglio contiene quello che potremmo definire due barili di olio, impilati l'uno sull'altro. Il 'barile' superiore contiene l'olio di spermaceti, la sostanza in passato tanto ambita dai balenieri per il suo grande valore commerciale.
Incredibile campione di immersioni profonde, il Capodoglio si nutre quasi esclusivamente di calamari che vivono in acque profonde. I denti sono presenti solo sulla mandibola (la mascella inferiore) ed è assente una vera pinna dorsale.

Famiglia Platanistidae

Contiene un solo genere e una singola specie: il Platanista (Platanista gangetica ). Come è spesso il caso nei delfini di fiume, il Platanista possiede occhi molto piccoli ed è quasi cieco. In un ambiente in cui la visibilità è molto limitata a causa del sedimento, ciò non sembra costituire uno svantaggio in quanto l'ecolocalizzazione è di fatto l'unico strumento per rilevare prede e ostacoli.
Il rostro è molto lungo e sottile. E' assente una vera pinna dorsale.

Famiglia Pontoporiidae

Contiene un solo genere e una singola specie, la Pontoporia (Pontoporia blainvillei ).
Vive solo negli estuari e nelle aree costiere del Sud Atlantico ed è tra i delfini di fiume che non frequenta esclusivamente gli habitat d'acqua dolce.
In proporzione con la lunghezza del corpo, la Pontoporia possiede il rostro più lungo di ogni altro cetaceo.

Famiglia Ziphiidae

Comprende 21 specie di cetacei, divise in 5 generi.
I membri della famiglia Ziphiidae hanno un rostro allungato e possiedono denti solo sulla mandibola (mascella inferiore), un tratto caratteristico dei cetacei che si nutrono esclusivamente di cefalopodi (calamari, polpi, seppie, ecc.). Curiosamente, il numero di denti è pari a due e solo i maschi li possiedono.
Gli Zifidi sono profondisti eccezionali e possono restare in immersione molto a lungo.
E' interessante notare che è proprio un'esponente di questa famiglia l'attuale detentore del record di immersione profonda tra i mammiferi: si tratta di una femmina di Zifio (Ziphius cavirostris ), con un'immersione a 2992 metri di profondità per un tempo pari a 137.5 minuti1.
Proprio a causa del tempo limitato che questi animali passano in superficie, unitamente al loro carattere schivo, la conoscenza sulla maggior parte degli zifidi è molto limitata.
1. Schorr GS, Falcone EA, Moretti DJ, Andrews RD (2014) First Long-Term Behavioral Records from Cuvier’s Beaked Whales (Ziphius cavirostris) Reveal Record-Breaking Dives. PLoS ONE 9(3): e92633. doi:10.1371/journal.pone.0092633.
Whale Zones

Whale Zones

Scopri le nostre destinazioni di Whale Watching e incontra con noi i nostri amici balene e delfini.

Database of species

Database delle specie

Consulta il database di Whale Zone, che comprende tutte le specie di cetacei attualmente esistenti.

Suborder Mysticeti - baleen whales

Mysticeti

Impara di più sui cetacei dotati di fanoni.

Balenottere azzurre di oltre 30 metri? Purtroppo, a causa della caccia spietata perpetrata fino agli anni '60, sono decenni che non se vedono più di così grandi.

Destinazioni di Whale Watching indimenticabili

Unisciti a noi per incontrare balene e delfini in tutto il mondo e vivere esperienze indimenticabili!